Le novità del modello 730/2020

Sono stati approvati ieri in via definitiva dall’Agenzia delle Entrate i modelli Iva, CU, 730 e 770/2020, unitamente alle istruzioni, relativi al periodo d’imposta 2019. Tra le principali novità di quest’anno, l’estensione dell’utilizzo del modello all’erede e l’introduzione dello sport bonus nel 730. Nel prospetto che segue si riporta un riepilogo delle novità che caratterizzano il modello 730 di quest’anno.

MODELLO 730/2020

Provvedimento 15 gennaio 2020, n. 8945/2020

SPORT BONUS Ai contribuenti identificati con il numero seriale indicato nella tabella A allegata al D.M. 23 dicembre 2019 , spetta un credito d’imposta nella misura del 65% delle somme erogate a favore degli enti gestori o proprietari di impianti sportivi pubblici; tale credito d’imposta è riconosciuto nel limite del 20% del reddito imponibile ed è ripartito in 3 quote annuali di pari importo.
EREDI Per la dichiarazione dei redditi relativa al 2019 delle persone decedute nel 2019 o entro il 23 luglio 2020, gli eredi potranno utilizzare il 730 per la dichiarazione per conto del contribuente deceduto avente i requisiti per utilizzare tale modello. In quetso caso il modello 730 non potrà essere consegnato al sostituto d’imposta né del contribuente né dell’erede.
BONIFICA AMBIENTALE – CREDITO d’IMPOSTA Per le erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi su edifici e terreni pubblici, sulla base di progetti presentati dagli enti proprietari, ai fini della bonifica ambientale, compresa la rimozione dell’amianto dagli edifici, della prevenzione e del risanamento del dissesto idrogeologico, della realizzazione o della ristrutturazione di parchi e aree verdi attrezzate e del recupero di aree dismesse di proprietà pubblica, spetta un credito d’imposta nella misura del 65% delle erogazioni effettuate. Il credito d’imposta è riconosciuto nei limiti del 20% del reddito imponibile ed è ripartito in 3 quote annuali di pari importo.
“PACE CONTRIBUTIVA” L’onere sostenuto per il riscatto degli anni non coperti da contribuzione, può essere detratto dall’imposta lorda nella misura del 50% con una ripartizione in 5 quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento della spesa e in quelli successivi.
FIGLI a CARICO Dal 2019, per i figli di età non superiore a 24 anni, il limite di reddito complessivo per essere considerati a carico è elevato a 4mila euro.
COMPARTO SICUREZZA e DIFESA – DETRAZIONE Al personale delle Forze di polizia e delle Forze armate, titolare di reddito complessivo di lavoro dipendente non superiore, in ciascun anno precedente, a 28mila euro, è riconosciuta sul trattamento economico accessorio, comprensivo delle indennità di natura fissa e continuativa, una riduzione dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali.
IMPATRIATI Per i contribuenti che hanno trasferito la residenza in Italia a decorrere dal 30 aprile 2019, i redditi da lavoro dipendente e assimilati concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 30%. Tale misura è ridotta al 10% se la residenza è trasferita in: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia.

Sportivi professionisti

I redditi da lavoro dipendente e assimilati percepiti dagli sportivi professionisti concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 50% purché sia effettuato il versamento di un contributo dello 0,5% della base imponibile secondo le modalità individuate con apposito D.P.C.M.

ISTRUZIONE – DETRAZIONE Per il 2019, l’importo massimo annuo delle spese per cui si può fruire della detrazione è pari a 800 euro.
INFRASTRUTTURE di RICARICA – DETRAZIONE Per le spese sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 per l’acquisto e posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, è ammessa una detrazione del 50%, per un ammontare comunque non superiore a 3mila euro. Tale detrazione dev’essere ripartita in 10 rate annuali di pari importo.
TERMINI di PRESENTAZIONE La dichiarazione deve essere presentata entro il:

  • 23 luglio 2020 nel caso di presentazione diretta all’Agenzia delle Entrate, al Caf o al professionista;
  • 7 luglio 2020 nel caso di presentazione al sostituto d’imposta.

Author: Antonello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.